Parapendio Val Gardena

VOLO DI DISTANZA IN PARAPENDIO BIPOSTO NELLE DOLOMITI – racconto della mia esperienza

Le Dolomiti e la Val Gardena mi hanno sempre affascinato, già da bambina. Frequento da tanti anni l’Alto Adige e mi sono innamorata delle Dolomiti. Ogni anno ritorno in Val Gardena e faccio diverse escursioni nel Parco naturale Puez-Odle, nella zona dello Sciliar, il Gruppo del Sella e del Sassolungo.
Adesso vorrei scoprire le Dolomiti dall’alto con un volo biposto in parapendio.
Ho già fatto qualche volo planato e volo termico in biposto dal Monte Grappa vicino a Bassano, la mia città di residenza.
Però volare sopra le Dolomiti con il parapendio è il mio desidero più grande!

Ho cercato in internet su Google e ho trovato diversi gruppi di parapendio che organizzano voli di distanza nelle Dolomiti. Mi ha convinto il team Gardenafly della Val Gardena: le foto sul sito sono stupende e lo staff con due campioni del mondo dimostrano professionalità.
Contatto Gardenafly per E-mail e mi informo sui voli di distanza in Val Gardena e nelle vicinanze. Il pilota Kilian mi chiede, se ho già qualche esperienza di volo. Il requisito per il volo di distanza è aver fatto almeno un volo di termica in biposto e non aver avuto nessun problema fisico, cioè non aver sofferto di nausea o mal di mare…
Confermo di non aver avuto nessun problema nel volo termico e di essermi goduta pienamente il volo.
Rimaniamo così che il pilota mi chiama alcuni giorni prima che si forma una buona situazione meteo che permette il volo di distanza. Già dopo una settimana Kilian mi chiama e mi conferma ottime previsioni termiche per il volo lungo. Veramente dovrei lavorare, ma la voglia e la motivazione di volare mi convincono e confermo l’appuntamento.

Ci incontriamo due giorni dopo alle ore 12.00 alla stazione del Seceda a Ortisei in Val Gardena.
Il pilota mi saluta in modo gentile e simpatico.
Durante la salita in Funivia mi spiega in parole semplici le condizioni meteo che preannunciano ottime condizioni di volo. “In quota fa freddo e in basso caldo e l’aria calda può salire in alto… ecco i cumuli (le nuvolette a forma di ovatta) che segnano le termiche..”
Giunti al decollo Kilian mi spiega le cose più importanti per il decollo e la posizione in volo. Sembra molto semplice..
La voglia di volare è immensa, non aspetto l’ora di decollare.

Il pilota mi conferma che il vento e le condizioni termiche sono perfette. Ci prepariamo… due passi e decolliamo!
E‘ un momento magico: Sentirsi leggeri e librarsi in aria, superare la forza di gravità e volare liberi come l’aquila… La termica è forte e saliamo in modo costante. L’area di decollo diventa sempre più piccola e svanisce sotto di noi. Ho immaginato il volo esattamente così: salire dolcemente verso le nubi con un panorama indescrivibile intorno a noi – le Dolomiti da una prospettiva completamente nuova! Siamo già a 3000 m e ci dirigiamo verso il Sass Rigais nel Gruppo delle Odle. Non posso crederci: un anno fa ero salita lungo la via ferrata al Sass Rigais impiegandoci alcune ore e adesso ci passiamo sopra volando appena 20 minuti.

Che esperienza! Kilian mi indica il prossimo punto di riferimento: lo Stevia. Planiamo verso il Rifugio Firenze e avanti in direzione della baita Stevia. “Li sotto quella piccola nube, dovremmo trovare la termica” così mi spiega il pilota.
E sotta la nube saliamo come in ascensore..“Come può saperlo il pilota?” mi chiedo. Qui si riconosce la lunga esperienza di volo di oltre 30 anni del pilota. Mi sento completamente a mio agio e ho piena fiducia nel pilota. E’ fantastico poter condividere queste stupende emozioni di volo assieme al pilota che mi spiega le sue decisioni, perché vola in un certo posto, perché gira da una o dall’altra parte e mi coinvolge completamente nel volo… mi sembra quasi di essere un pilota.

Facciamo la massima quota superando i 3400 m di altezza per attraversare la lunga Val Gardena e dirigerci verso il Mont Seura ai piedi del Sassolungo. Anche se indosso la tuta di volo a quest’altezza fa freschetto.
Planiamo per ben 15 minuti e con pazienza e concentrazione Kilian ci mette il massimo impegno e riusciamo a risalire sul versante ovest della punta “Salame” fino in cima al Sassolungo. Non posso crederci, è fantastico tutt’intorno montagne: il Gruppo del Sella, il Gruppo del Sassolungo e Sassopiatto, a nordest il parco naturale Puez-Odle, in direzione ovest l’Alpe di Siusi con lo Sciliar e a est la Marmolada, la regina delle Dolomiti. Ho realizzato il mio sogno, sorvolare le Dolomiti. Mi sento libera e leggera in un’altra dimensione. Chi non ha mai provato queste emozioni e sensazioni non può capire di cosa sto parlando!

Saliamo ancora alti sopra il Sassolungo fino a 3400 m e planiamo verso l’Alpe di Siusi. Una planata dolce e rilassante fino al Bullaccia sopra l’Alpe di Siusi e vediamo Castelrotto…
Ritorniamo indietro in Val Gardena e dopo circa 2 ore di volo atterriamo vicino alla baita Pauli in Val d’Anna.
Questo volo ha superato tutte le mie aspettative come panorama, sensazioni di volo, bellezza delle montagne e esperienza di volo in parapendio… Il parapendio biposto è la mia passione!

Ci beviamo una birra alla baita Pauli e ripassiamo mentalmente tutti momenti più intensi del volo.
Kilian mi fa vedere le foto e i video che abbiamo fatto durante il volo con la camera GoPro. Sono ancora in un altro mondo e mi godo queste intense sensazioni provate durante questo stupendo volo.
Ringrazio il pilota per questa eccezionale esperienza di volo.
Ritornerò sicuramente a volare con Gardenafly.
Grazie e bei voli a tutti!

Indietro

Concetto, Design e realizzazione by WEB2NET © 2017